ali di ferro - l'anteprima della mia prima raccolta di poesie

ali di ferro – l’anteprima della mia prima raccolta di poesie

ali di ferro – l’anteprima della mia prima raccolta di poesie. Questa é l’anteprima della mia prima raccolta di poesie – ali di ferro

In fase di pubblicazione, presto sará possibile acquistarla sia nella versione italiana in formato e-book e cartaceo.

Per me é piu di un libro di poesie: é un percorso di CONSAPEVOLEZZA e CRESCITA, ancora in atto e in continua evoluzione, che mi ha permesso di conoscere una parte di me che non non volevo conoscere.

Ascoltare il suo grido silenzioso, al quale non avevo mai dato il diritto di parola sarebbe stato troppo doloroso.

Le ali di ferro che porto sono sempre state pesanti, difficili da far volare. Negli confidavo che mi avrebbero portato in alto su nel cielo a giocare tra le nuvole a fare le capriole nel vento. Ogni giorno provavo, ma non sapevano volare. Belle e grandi, non riuscivano a volare.

Ma non mi arrendevo, le guardavo, arrancavo su un altura ma appena tentavo il volo mi schiantavo per terra.
Guardavo le altre ali erano uguali alle mie: ali come le mie, quasi. Quelle sapevano volare, le mie no.
Notavo solo una differenza, le altre ali volavano LEGGERE.
Avrei potuto tornare indietro e cambiarle? No.
Non sapevo se alla consegna delle ali anche le mie fossero leggere. Come saperlo? Anche gli uccellini hanno bisogno di tempo prima di inizire le pratiche di volo.

Allora, non potendo volare ho iniziato a camminare con gli occhi sul selciato, con l’immaginazione limitata cosi come era limitato il mio orizzonte e per vedere per la prima volta il panorama delle opportunitá, delle possibilitá, delle scelte, dei futuri, delle strade da percorrere, dei sogni da liberare degli obiettivi da raggiungere ho impiegato un tempo smisurato.

Un tempo in cui provavo a volare e cadevo, provavo a volare e sbagliavo provavo a volare e mi schiantavo. Ed era sempre e solo un volo incompiuto.

Nel tempo ho continuato a guardare le mie ali odiandole e amandole allo stesso tempo perche mi tradivano costantemente non portandomi su in alto nel cielo.

Intuivo che dovevo credere di piú nelle mie ali e dargli piú forza per liberarle e permettere loro di essere quello che sono: ali.
Ho capito che potevo e dovevo renderle piú leggere anche se le mie erano e sono ali di ferro.
Oggi non faccio ancora le capriole nel vento e non gioco tra le nuvole, il mio é ancora un volo basso, immaturo ma guardo il cielo piú da vicino. Sono giá nel cielo.

4 commenti
    • Matilde
      Matilde dice:

      Ti ringrazio Elisabetta. Oggi credo un pó di piú nella mia capacitá di volare, di volare oltre le mie incapacitá e le mie paure. E sé, come me altre persone hanno Ali di Ferro, é sicuro anche le Ali di Ferro, quelle pesanti … VOLANO.

      Rispondi
  1. Clia
    Clia dice:

    ma volano e come volano… io le ho intraviste volare e sanno rimanerti a bocca chiusa!
    ed è solo grazie a tutte quelle difficoltà che riusciamo a goderci davvero il panorama ! Xxx

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *