Mi piacciono le uova strapazzate o all’occhio di bue?

Mi piacciono le uova strapazzate o all’occhio di bue?

Mi piacciono le uova strapazzate o all’occhio di bue?
L’altra sera ho rivisto il film Se scappi ti sposo con Richard Gere e Julia Roberts. Quando ho rivisto il pezzo in cui lei si cucina le uova per capire cosa le piace di piu me lo sono chiesta anche io. É da ieri mattina che mi ronza nella testa il domandone cosa mi piace e cosa no. La risposta in automatico é stata che tutto quello che faccio mi piace, pero in effetti no! Il viaggio nelle mie domande continua. Non lo faccio volutamente ma si piantano li davanti e non ce verso di far finta di niente. Stanno li sin quando non do retta a queste mocciose pretenziose. Domande domande e poi domande! Ho iniziato proprio dalle uova e alla fine ho scoperto che mi piacciono in tutte i modi, tranne che crude: crude NO! Ora sono alle prese con le persone: che tipo di persone mi vanno a genio, quali mi piacciono particolarmente? Quali non sopporto? Ho pensato da principio di avere pochi elementi da mettere sulla bilancia che mi fanno preferire o meno le persone: simpatiche o antipatiche poi ho aggiunto altro quali capacitá argomentativa, poi intelligenza, ma ho anche scoperto che adoro le persone introverse e che vado pazza per chi mi fa ridere. Riflettendo sulle persone riflettevo sui miei gusti e ho capito che non é solo una questione dei miei gusti ma molto influisce cosa sto vivendo in quel momento e cosa mi aspetto nella vita e conseguentemente dalle persone. Certo dire cosa mi aspetto dalle persone fa molto periodo antidiluviano. Significa non aver sperimentato la delusione delle aspettative, afferma una posizione arcaica della propria mente e conoscenza di se stessi. Chilometri di letterattura sono stati scritti sul tema, qualcosa ho letto, eppure mi aspetto sempre di ricevere dagli altri: perche voi NOOOOOO??? Altrimenti perché mai dovrei avere una qualsiasi relazione con queste persone? Non importa di quale natura sia il rapporto. Quindi tra le tante opzioni che mi do quando scelgo una persona, in cima c’é la risposta alla domanda: riesce a interessarmi mentalmente? Questa domanda inconsapevole (ora non piú) mi guida tra le persone, in particolare per quelle con le quali ho e posso avere relazioni importanti. Ho comprato un quaderno e scrivo tutte le cose che mi piacciono e perché. Capiró tutto quello che non mi piace cosi da evitarlo? Forse! Il mio sguardo ora é piu attento e curioso, ma rigoroso. Per non perdere niente e per essere certa di cosa scelgo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *