Germogli sotto la neve

Notizie dal limbo: sotto la neve

Notizie dal limbo: sotto la neve
Sotto la neve, nella calda terra, i semi sono protetti.
Aspettano con trepida impazienza di germogliare. Fremono, vogliono spuntare, affacciarsi dalla coltre bianca, andare fuori, dal principio timidamente come un periscopio che in superficie osserva il mondo circostante e poi sicuri per aprirsi gioiosi e tranqilli al mondo. C’è urgenza, si sente dal vibrare dei timidi germogli. Ma sotto la neve i semi potranno tenere intatta la loro specificità, unicitá. Non saranno bruciati dal gelo e seccati dal vento tagliente o calpestati da incuranti viandanti. I quattro semi sotto la neve avranno il tempo di germogliare e poi dare buoni frutti. Frutti necessari alla terra: l’amore e la passione per il bene e l’altruismo, la curiosità, la bellezza e l’attenzione per l’umanità . Sotto la neve non ci sará nessuna aggressione, e i semi avranno a disposizione il tempo necessario a fortificarsi, crescere in saggezza, essere pronti ad essere pienamente se stessi nel mondo.
I semi scalpitano perché vogliono incontrare la luce il sole e fiorire ma sotto la neve, nella calda terra prenderanno tutti i nutrimenti come l’energia, la forza la vitalitá, l’entusiasmo necessari a incontrare tutte le altre forze presenti sulla Terra, positive o negative e saperle attraversare come un oceano calmo o in tempesta.
Ancora sotto la neve, anche quando il desiderio di correre e piú forte ma le gambe non sono allenate e il cuore non sa quanto sangue pompare.
Sotto la neve respirando, raccogliendo i pensieri, conoscendo l’io profondo, accogliere se stessi e prepararsi a vivere pienamente.
La primavera è vicina, presto i germogli spunteranno con gli occhi aperti sulle meraviglie del mondo, le mani pronte a ricevere l’abbondanza dell’universo, il cuore palpitante per donare amore, la mente attiva per essere per esprimere e donare la nostra unicità al mondo.
Ancora un po sotto la neve preparando l’arcobaleno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *