Oggi ho bisogno della Poesia

Oggi ho bisogno della Poesia

Oggi ho bisogno della poesia
Mi rifugio nel mio spazio solitario e lentamente e profondamete inizio ad inspirare parole che calmino mente e gambe. Ho bisogno della Poesia per ripristinare le funzioni del cuore infiammato, appassionato che vuole tanto, chiede incessantemente ma ha bisogno di tregua. Fuggo dal frastuono dei pensieri per trovare quiete nelle parole scelte. E mi accoglie lei che sa capirmi sempre, lei alla quale non devo spiegare niente e conosce il groppo in gola, sempre piu grosso. Respiro diafframmaticamente mentre mi offre il rigo, bianco, pulito. Lo guardo e lo lascio bianco immacolato, la spiaggia al mattino prima dei passi, prima delle orme dei gabbiani. Mi godo questa scelta aspetto di lasciare la mia impronta, aspetto di trovare la mia parola. Oggi é sofferta e non vuole farsi vedere, tesa. É sul rigo, é sulla corda di violino. Eppure ho bisogno di vedere il rigo ancora bianco, ancora immacolato e scegliere di non lasciare impronte. Ho bisogno che la Poesia oggi si faccia silenzio per calmare il cuore che corre che vuole che desidera che ama che pretende. Ho bisogno che la Poesia sia solitaria e silenziosa e dia ossigeno ai muscoli contratti tra affermazioni e contraddizioni. E la Poesia mi accoglie benevola, disponibile ad ogni mio bisogno senza domande, senza contropartita, senza appuntamento o biglietto, senza controllo, senza attesa. Il rigo bianco immacolato si lascia accarezzare, un vento leggero sulla sabbia. Il respiro si fa tranquillo senza affanno. Nella laguna barchette di giornali di carta solcano le onde leggere e le parole sono pronte, tranquille in attesa anche loro si godono il prossimo approdo. Ho bisogno deella poesia del rigo bianco oggi, l’oasi dissetante prima di riprendere il cammino.Un giorno per non correre ma volare senza meta, solo per il gusto di volare e godersi il cielo e tra il rigo bianco fatto di respiri vedo sfilare parole e virgole in una nuova Poesia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *