Quando tutti mi chiedono di fare la mia parte

Quando tutti mi chiedono di fare la mia parte

Quando tutti mi chiedono di fare la mia parte
Siamo alle solite: il sistema mi chiede di essere quella che secondo le regole – del sistema – devo essere. Credo che il mio nome dovrebbe essere Ribelle Furiosa perche tutte le volte che questa richesta si acuisce con una serie di pressioni divento FURIOSA e RIBELLE! Il sistema pretende che io sia produttiva come loro loro impongono, ossia inserirmi nella catena di montaggio: inserirmi nel lavoro – qualunque esso sia – acquistare i prodotti che immettono nel mercato – quelli che loro sponsorizzano – osservare le regole prescritte, lavorare, fare un figlio/due (ma non di piu), pagare le tasse – soprattutto quelle per assicurare l’esistenza del sistema stesso.
Io non sono assolutamente disposta a seguire le loro regole. Il lavoro é un invenzione assurda che trovo completamente contraria all’essere umano. Io sono convinta che l’essere umano sulla terra ha tutto un altro scopo: é qui per creare non per lavorare. Obbligare le persone a lavorare é una condanna ai lavori forzati per prima cosa e inoltre si pretende che si facciano dei lavori assurdi. Praticamente é stato costruito un sistema tale che se uno non lavora non puó sussitere su questa terra. Se venisse un marziano penserebbe che non abbiamo cervello e non sappiamo ne creare ne pensare. Sopratutto non ci godiamo la vita. Stavamo discutendo su questo con i miei amici e alcuni di loro – per fortuna non tutti – asserivano che scegliamo di lavorare perché abbiamo bisogno di uno scopo. Ma quale mente malata ha instillayo questo pensiero? Chi ha mai pensato che lavorare e il nostro scopo? Qui si é modificato – ormai geneticamente su quasi tutta la razza umana il penisro di liberta e creazione. Ceramente ho confermato tutti abbiamo il nostro scopo. Ma non certo lavorare!!! La notte ho continuato a riflettere su quanti avessero uno scopo anche ripensando a tante risposte che sono piovute sui nostri bicchieri di vino. Tutti hanno risposto che hanno lo scopo del lavoro che vogliono fare o vorrebbero fare o cambiare quello che stanno facendo, confermando in questo modo di essere a pieno ttolo intehrati nel sistema e nell’ingranaggio. Ma nessno mi ha detto che scopo ha nella vita. Durante la notte non sono riuscita a darmi una risposta chiara del perché siamo arrivati a questo punto ma mi sono addormentata con una domanda come sarebbe possibile invertire questo triste destino? Se non troveró un lavoro o decideró di non lavorare non potró far parte del sistema e quindi sussistere e quindi esistere! MA soprattutto anche lavorando secondo le regole del sistema potrei mai ragggiungere lo scopo della mia vita??

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *